Persona Responsabile

News: tutti gli aggiornamenti gratuiti sui Regolamenti Europei e sulle Linee Guida

Responsabilità

Al fine di stabilire responsabilità chiare, ogni prodotto cosmetico deve essere collegato a una persona responsabile stabilita all’interno dell’Unione. Le responsabilità della Persona Responsabile sono:
– Conservazione, AGGIORNAMENTO e revisione del PIF
– Designazione del Safety Assessor
– Realizzazione del prodotto secondo le Buone Pratiche di Fabbricazione (UNI EN ISO 22716: 2007)
– Esecuzione delle pratiche di notifica alla Commissione Europea prima dell’introduzione dei prodotti sul mercato
– Gestione e organizzazione della Cosmetovigilanza per la segnalazione di possibili effetti indesiderati alle Autorità Sanitarie dello Stato membro in cui si è verificato l’effetto indesiderato grave
– Predisposizione dell’etichettatura e conformità alle normative sanitarie
– Sostenibilità dei claims sul prodotto

Requisiti

Al fine di garantire la conformità di ogni singolo prodotto sul mercato, la PR dovrebbe essere in possesso (o deve essere assistita da un esperto che ne è in possesso) delle seguenti competenze:

-Tecniche
-Formulative
-Legali/Regolatorie
-Produttive
-Sostenibilità dei claims
-Sistema/gestione della qualità

Grazie alla consolidata esperienza maturata sul mercato e alla costante interazione con le Associazioni di categoria e le Autorità Sanitarie, Angel Consulting può offrirti tutte le informazioni pertinenti o assumere il ruolo di Persona Responsabile Europea.

Regolamento (CE) 1223/2009 – Art. 25

1. Fatto salvo il paragrafo 4, le autorità competenti chiedono alla Persona Responsabile di adottare tutti i provvedimenti adeguati, incluse le misure correttive volte a rendere conforme il prodotto cosmetico, a ritirarlo dal mercato o a renderlo oggetto di richiamo entro un limite di tempo espressamente indicato, in proporzione alla natura del rischio, qualora il prodotto non risulti conforme ad anche uno solo dei seguenti elementi:
a) buona pratica di fabbricazione di cui all’articolo 8;
b) valutazione della sicurezza di cui all’articolo 10;
c) prescrizioni relative alla documentazione informativa sul prodotto di cui all’articolo 11;
d) disposizioni su campionamento e analisi di cui all’articolo 12,
e) prescrizioni relative alla notifica di cui agli articoli 13 e 16;
f) restrizioni applicabili a determinate sostanze, di cui agli articoli 14, 15 e 17;
g) prescrizioni relative alla sperimentazione animale di cui all’arti colo 18;
h) prescrizioni relative all’etichettatura di cui all’articolo 19, paragrafi 1, 2, 5 e 6;
i) prescrizioni relative alle dichiarazioni sul prodotto di cui all’arti colo 20;
j) accesso del pubblico alle informazioni di cui all’articolo 21;
k) informazioni sugli effetti indesiderabili gravi di cui all’articolo 23;
l) obblighi di informazione sulle sostanze di cui all’articolo 24.

2. Se del caso, un’autorità competente notifica all’autorità competente dello Stato membro nel quale la persona responsabile è stabilita i provvedimenti che hanno chiesto di adottare alla persona responsabile.

3. La Persona Responsabile deve garantire che i provvedimenti di cui al paragrafo 1 siano adottati per tutti i prodotti in questione che sono stati messi a disposizione sul mercato in tutta la Comunità.

Etichettatura

IL NOME E L’INDIRIZZO DELLA PERSONA RESPONSABILE DEVE ESSERE INDICATA IN ETICHETTA